Colorful tiles on the roof of St. Stephen's Cathedral in Vienna

Vienna Media News

You are here:

Informazioni stampa Vienna 12/2022 “Visione e ripartenza”: 150 anni dall'Esposizione Universale di Vienna

L'Esposizione Universale di Vienna nel 1873 fu l'avvenimento che portò Vienna a divenire la metropoli mondiale dell'Ottocento. A quel tempo Vienna in seguito all'ampliamento della città e alla costruzione della Ringstrasse crebbe enormemente. Inoltre furono allora posti dei paletti che ancora oggi sono decisivi per l'alta qualità di vita di Vienna. Nacque la I. Wiener Hochquellenleitung, con la sua acqua di sorgente cristallina. Un prodigio della tecnica che convogliava acqua potabile fresca dalle Alpi direttamente a Vienna. Ben sei nuove stazioni fecero di Vienna un crocevia ferroviario dell'Europa centrale. Anche il trasporto pubblico e il turismo cittadino presero velocità. Furono costruiti lungo la Ringstrasse numerosi alberghi, come l'Hotel Imperial e l'odierno Palais Hansen Kempinski, ma anche diversi esercizi gastronomici, tra cui il Café Landtmann. Avevano luogo a Vienna sempre più congressi internazionali. Fu il periodo di fondazione di molti musei e collezioni e anche un'epoca di fioritura del tradizionale artigianato. Aziende come J. & L. Lobmeyr (cristallo) e Jarosinski & Vaugoin (argenteria), che esistono ancor'oggi, seppero abilmente mettersi in scena all'Esposizione Universale. E la celebre dinastia Strauss compose la perfetta e più orecchiabile colonna sonora. Vienna si era data una nuova identità a livello urbanistico e spirituale. La città beneficia ancora oggi di quanto fu realizzato allora.

Notevoli parallelismi con la situazione odierna

E oggi Vienna è sotto analoghi auspici. Dall'inizio del millennio, la città è cresciuta a ritmi vertiginosi e vanta aree di sviluppo urbano di fama internazionale come Seestadt Aspern. Anche tutte le principali stazioni ferroviarie di Vienna sono state costruite o ampiamente rinnovate a partire dagli anni 2000. Con notevoli conseguenze: Vienna è il più importante snodo ferroviario notturno dell'Unione Europea. Inoltre, Vienna sta vivendo il più intenso sviluppo alberghiero dal 1873 e riveste un ruolo di primo piano in Europa nell'ambito dei congressi e convegni. Gli sviluppi di Vienna nel terzo millennio sono così significativi che molti di essi continueranno sicuramente a farsi vedere anche fra 150 anni. Nel 2023 si celebra tutto ciò al motto di “Visione e ripartenza. 150 anni dall'Esposizione Universale di Vienna". In occasione di questa ricorrenza avranno luogo innumerevoli attività ed eventi.

Weltmuseum: amicizia austriaco-giapponese

Nel 2023 numerosi musei viennesi puntano sulla ricorrenza dell'Esposizione Universale di Vienna. Innanzitutto il Weltmuseum Wien, dove si parte già nel gennaio 2023: qui due sale saranno interamente dedicate all'Esposizione Universale, e soprattutto all'apertura del Giappone e dell'“Oriente” verso l'Europa, poiché l'Esposizione Universale di Vienna fu il primo evento in cui il Giappone, così come il Marocco, l'Egitto, la Tunisia, l'Impero Ottomano e la Persia, si presentarono in grande stile al mondo europeo. A partire da gennaio 2023 il Weltmuseum offrirà un proprio sistema di orientamento che, nello spirito dell'Esposizione Universale, indicherà ai visitatori il percorso da seguire all'interno dell'edificio. Sono previste in occasione della ricorrenza anche speciali visite guidate e un opuscolo dedicato all'Esposizione Universale di Vienna.

Museo della Tecnica di Vienna: “Women at Work”

A partire dal 2 maggio 2023 al Museo della Tecnica di Vienna (TMW) sarà allestita la rassegna straordinaria “Women at Work – 150 anni dal Padiglione delle Donne dell'Esposizione Universale di Vienna”. La mostra affronta una caratteristica particolare dell'Esposizione Universale di Vienna: con il Padiglione delle Donne si puntarono per la prima volta i fari sul mondo del lavoro femminile. Il padiglione presentò i settori professionali femminili emersi nel corso della grande industrializzazione dell'Ottocento. Il Padiglione delle Donne rappresentò un momento pionieristico poiché rese visibile il mondo del lavoro femminile, come fecero poi anche le successive.

MAK: Orientalismo e sfavillanti mondi del lusso

Dal 7 giugno 2023 il MAK, il Museo di Arti Applicate, farà scintille: J. & L. Lobmeyr, la tradizionale azienda viennese produttrice di pregiati cristalli e preziosi lampadari, partecipò nel 1873 all'Esposizione Universale di Vienna e nel 2023 festeggia il 200esimo anniversario della fondazione dell'azienda. In occasione dei “SPLENDORE E GLAMOUR. 200 anni di Lobmeyr”, si presenteranno sfavillanti mondi di lusso con fantastici oggetti di artigianato artistico viennese.

Il 21 giugno 2023 si inaugurerà al MAK un'altra mostra speciale sull'Esposizione Universale di Vienna del 1873: la rassegna “L'ESPOSIZIONE UNIVERSALE DEL 1873 RIVISITATA. L'Egitto e il Giappone, l'“Oriente" europeo” sarà incentrata sulla passione dell'Ottocento per l'orientalismo, a cui l'Esposizione Universale diede un forte impulso. Si proporranno mondi esotici e un linguaggio formale allora ancora sconosciuto, che rappresentò una grande ispirazione per il mondo occidentale.

Wien Museum: Una grande riapertura

Una riapertura in grande stile è prevista per il dicembre 2023: dopo diversi anni di ristrutturazione e ampliamento il Wien Museum riaprirà i battenti e diverrà così un importante luogo di incontro in piazza Karlsplatz. L'attuale collezione del Wien Museum fu avviata in vista dell'Esposizione Universale di Vienna.

Prater: La rinascita della tradizione della Rotunde

Con la nuova attrazione del Prater “Panorama Vienna” verrà inaugurato nella primavera 2023 un grande spettacolo visivo. Una formula del tutto nuova per il Prater di Vienna: si proporranno giganteschi format artistici sotto forma di panorami analogici a 360 gradi. A questo scopo si sta attualmente realizzando una costruzione circolare alta 32 metri e dal diametro di 100, sulle cui pareti interne si potranno ammirare opere d'arte panoramiche. Panorama Vienna si rifà alla tradizione della Rotunde al Prater: la Rotunde era un edificio circolare, al cui interno si proponevano spettacoli per un grande pubblico. La più grande di tutte le Rotunde fu quella dell'Esposizione Universale del 1873, a quel tempo la più grande costruzione a cupola del mondo, che fu distrutta da un incendio nel 1937. Il 2023 segna quindi anche la rinascita di questa tradizione del Prater.

Gastronomia e acqua cristallina

Anche la gastronomia viennese ha motivo di festeggiare nel 2023: il Café Landtmann, uno dei più noti caffè di Vienna, fu aperto nel 1873 e ancora oggi non ha perso nulla del suo fascino. Ma il 1873 fu anche un anno importante per la pasticceria imperialregia Gerstner: l'azienda fornì il catering al Padiglione Imperiale dell'Esposizione Universale di Vienna e ottenne l'ambito titolo di “Fornitore di Corte Imperialregio”.

La fantastica acqua di sorgente di Vienna, che dal 1873 viene convogliata dalle Alpi a Vienna, è indissolubilmente legata all'ospitalità viennese. Nel 2023 quest'acqua si festeggerà in grande stile e precisamente il 16 giugno, quando presso la storica torre idrica di Favoriten si svolgerà la Festa dell'Acqua di Vienna, e poi il 24 ottobre 2023, nell’anniversario del giorno di apertura dell'acquedotto Hochquellenleitung, quando avverrà l'inaugurazione di una nuova fontana. La fontana, che è opera di Gelatin, un gruppo di artisti austriaci di fama internazionale, sarà sistemata in un luogo speciale, nel quartiere Sonnwendviertel, uno dei più importanti e spettacolari progetti viennesi di sviluppo urbano del terzo millennio.

Shopping di lusso come nel 1873

Nel 2023 Vienna, con i celebri oggetti di artigianato artistico viennese, punta anche su uno shopping raffinato. Ad avere un diretto legame con l'Esposizione Universale non è solo il prestigioso negozio J. & L. Lobmeyr in Kärntner Strasse. Anche la gioielleria A. E. Köchert, che partecipò all'Esposizione Universale e nel 1873 si trasferì nell'attuale sede all'indirizzo Neuer Markt, propone, oggi come allora, mondi di lusso. Lo stesso vale per il fabbricante di scarpe su misura Scheer, l'argenteria Jarosinski & Vaugoin e il produttore di pianoforti Bösendorfer, tutte aziende presenti all'Esposizione Universale e che ancora oggi propongono i loro straordinari prodotti a Vienna.

Meeting destination Vienna

E anche la meeting destination Vienna è tutta all'insegna dell'Esposizione Universale e del suo impatto sul mondo: ad esempio con il Congresso Internazionale della Soia, che si terrà all'Austria Center Vienna (ACV) a partire dal 18 giugno 2023. L'Esposizione Universale di Vienna infatti favorì la diffusione della soia in tutto il mondo. Questa particolare pianta giunse a Vienna in quel periodo grazie alla delegazione giapponese, e per questo motivo nel 2023 il Museo etnografico austriaco le dedicherà un’esposizione.

Visione e ripartenza:
www.wien.info/vision
www.vienna.info/vision

Contact

Ente per il Turismo di Vienna
Isabella Rauter
tel. (+ 43 1) 211 14-301