By using our website, you are agreeing to cookies being stored and Google Analytics being used on your device in order to offer the best possible service. You can find more information on this here.

B2B service for the tourism industry To website for visitors to Vienna
Colorful tiles on the roof of St. Stephen's Cathedral in Vienna

Informazioni stampa Vienna 03/2016 Rassegne di arte contemporanea nel 2016 a Vienna

9.3-26.6.2016: Oswald Oberhuber – Una retrospettiva

21er Haus, Arsenalstrasse 1, 1030 Vienna, www.21erhaus.at

Quest’ampia retrospettiva è dedicata a Oswald Oberhuber, uno dei più influenti rappresentanti del panorama artistico austriaco. In una concezione dello spazio realizzata dall’artista, vengono presentate opere di tutte le fasi essenziali di lavoro dai tardi anni Quaranta fino ad oggi, che nella loro diversità e versatilità rispecchiano il principio applicato dal 1958 della “Mutazione permanente”.

18.3-19.6.2016: Anselm Kiefer. Le xilografie

Albertina, Albertinaplatz 1, 1010 Vienna, www.albertina.at

Anselm Kiefer è uno degli artisti più importanti del nostro tempo. L’Albertina presenta con una prima retrospettiva completa oltre 30 monumentali opere principali delle sue famose xilografie e presenta importanti cicli di quadri e gruppi tematici. L’opera di Kiefer testimonia il suo confronto intenso con la storia, la storia della civiltà e la mitologia tedesca.

8.4.-5.9.2016: Berlinde De Bruyckere

Leopold Museum, MuseumsQuartier, Museumsplatz 1, 1070 Vienna, www.leopoldmuseum.org

Grazie alle sue sculture di grande impatto, focalizzate sul corpo umano in tutta la sua vulnerabilità e cruda bellezza, l’artista belga Berlinde De Bruyckere (nata nel 1964) è una delle scultrici contemporanee maggiormente note a livello internazionale. In figure apparentemente senza tempo, la De Bruyckere esplora le questioni esistenziali della vita e della morte, nonché del dolore e della sofferenza, sottolineando l'ancoraggio dell'esistenza umana nella carnalità del corpo.

3.6-2.11.2016: Martin Parr. Retrospettiva

Kunst Haus Wien, Untere Weissgerberstrasse 13, 1030 Vienna, www.kunsthauswien.com

Estremamente interessato alle tradizioni, alle specificità e ai rituali culturali, il britannico Martin Parr (nato nel 1952) è uno dei più influenti fotografi documentaristici contemporanei. La quotidianità e l’assurdo sono sempre strettamente correlati nella sua opera. Esasperazioni, battute e stereotipi non spaventano affatto Parr: con il suo sguardo diretto e guidato da un umorismo asciutto, è uno dei cronisti più schietti del nostro tempo.

24.6-9.10.2016: Jim Dine

Albertina, Albertinaplatz 1, 1010 Vienna, www.albertina.at

Jim Dine è assieme ad Andy Warhol e Roy Lichtenstein una delle star più acclamate della pop art americana. L’Albertina espone cento affascinanti autoritratti, una selezione rappresentativa della generosa donazione dell’artista, e presenta Dine in atteggiamenti autocritici e fuori dal comune.

14.7-20.11.2016: Ai Weiwei: transformation – translocation

21er Haus, Arsenalstrasse 1, 1030 Vienna, www.21erhaus.at

Con la sua arte e con un utilizzo mirato di campagne sui social media, l’artista concettuale cinese esercita costantemente un’aspra critica al regime della suo Paese. L'architettura è una delle molte lingue che Ai Weiwei impiega come elemento portante dei suoi messaggi. Se gli si parla di Vienna, reagisce con conoscenze filosofiche su Ludwig Wittgenstein e si entusiasma per il palazzo di città progettato dal famoso filosofo dal 1926 al 1928 per la sorella Margarethe. La chiara struttura è servita ad Ai Weiwei come modello per il suo studio di Pechino. L’architettura crea identificazione, sia che si tratti del padiglione dell’Austria realizzato nel 1958 per l’Esposizione mondiale di Bruxelles, l’attuale 21er Haus, o di un tempio dedicato agli avi di un’importante famiglia cinese della tarda dinastia Ming. Queste due opere fuori dal comune sono state entrambe successivamente ricollocate e ricaricate con nuove funzionalità. I padiglioni del 21er Haus contribuiranno a stimolare un vivace dialogo e assieme alle ulteriori opere di Ai Weiwei tematizzeranno la rilocazione e la trasformazione.

8.9-27.11.2016: Martin Kippenberger

Bank Austria Kunstforum Wien, Freyung 8, 1010 Vienna, www.kunstforumwien.at

Martin Kippenberger è uno dei più importanti e allo stesso tempo più controversi artisti del 20esimo secolo. La sua opera, che abbraccia pittura, disegno, scultura, fotografia, manifesti, installazioni, performance, libri d’arte e scritti, fino a comprendere anche pratiche curatoriali e collezionistiche, si sottrae ad una precisa collocazione e agli “ismi” della storia dell’arte. La rassegna è in particolare focalizzata sulla lingua e sui “modelli ed epigoni” di Kippenberger nella storia dell’arte.

11.10.2016-29.1.2017: Edmund de Waal – During the Night

Kunsthistorisches Museum Wien, Maria-Theresien-Platz, 1010 Vienna, www.khm.at

In un famoso disegno Albrecht Dürer documenta nel 1525 uno dei suoi incubi, “Visione di sogno” costituisce il punto di partenza della mostra: quadri e opere della Kunstkammer provenienti dalle collezioni permanenti del Museo di Storia dell’Arte sono stati ricomposti da Edmund de Waal (“Un’eredità di avorio e ambra”). Ora le opere, accostate in modo mirato in dissonanze, suggeriscono concetti come la paura, gli incubi, l’insicurezza e la caduta.

21.10.2016-30.1.2017: Poetiche del materiale

Leopold Museum, MuseumsQuartier, Museumsplatz 1, 1070 Vienna, www.leopoldmuseum.org

La mostra presenta sei artisti che vivono a Vienna: Benjamin Hirte, Sonia Leimer, Christian Mayer, Mathias Pöschl, Anne Schneider e Misha Stroj. Le loro opere si distinguono non soltanto per l’ampiezza dei riferimenti intrinseci alle diverse tematiche culturali, alle forme narrative e alle rappresentazioni storiche, ma anche per la diversificazione dei mezzi e dei materiali da loro utilizzati.

7.12.2016-26.3.2017: Franz West & Co

21er Haus, Arsenalstrasse 1, 1030 Vienna, www.21erhaus.at

La mostra è incentrata sulle cooperazioni artistiche di Franz West, che ha collaborato sia con personalità internazionali del mondo dell’arte come Albert Oehlen, Douglas Gordon o Mike Kelley, che con personalità dell’arte austriaca come Heimo Zobernig, Peter Kogler e il gruppo di artisti Gelatin. Franz West ha inoltre scambiato opere d’arte con colleghi ed è riuscito, nel corso degli anni, ad allestire una collezione oltremodo interessante. Una rassegna scelta delle stesse è integrata nella mostra.

Relazioni Stampa Italia

Relazioni Stampa Svizzera

Ente per il Turismo di Vienna
Nikolaus Gräser
tel. (+ 43 1) 211 14-365

Rate this article
Feedback to the vienna.info editorial team

Please complete all the mandatory fields marked with *.

Title *
Title
Service links