By using our website, you are agreeing to cookies being stored and Google Analytics being used on your device in order to offer the best possible service. You can find more information on this here.

B2B service for the tourism industry To website for visitors to Vienna
Colorful tiles on the roof of St. Stephen's Cathedral in Vienna

Informazioni stampa Vienna 01/2016 Novità culinarie viennesi

Il MAK, il Museo austriaco di Arti Applicate/Arte Contemporanea sulla Ringstrasse di Vienna, vanta un nuovo ristorante. A metà del mese di dicembre del 2015 il ristorante, chiuso da settembre dello stesso anno, ha riaperto con il nome Salonplafond. Il concetto gastronomico è dello chef stellato di Amburgo Tim Mälzer e di una coppia di gastronomi viennesi, ed è indirizzato a una cucina semplice e pura che si orienta al prodotto e agli alimenti artigianali. Il locale del MAK, originariamente aperto come MAK Café nel 1993 su progetto dell’architetto viennese Hermann Czech, è stato riadattato nel 2006 in un moderno Gasthaus viennese dal team di architetti viennesi eichinger oder knechtl. L’ultima ristrutturazione è dell’architetto viennese Michael Embacher. Sedie e tavoli sono progetti di Oswald Haerdtl, i design delle stoffe impiegate sono dell’architetto austro-svedese Josef Frank, al quale è stata anche dedicata fino al 3 aprile 2016 una mostra al MAK. Al piano terreno dell’Hotel Grand Ferdinand, aperto nel mese di ottobre 2015, situato un paio di palazzi più avanti sulla Ringstrasse, un elegante ristorante offre numerosi piatti della classica Cucina Viennese. L’edificio lungo lo Schubertring dispone inoltre al piano superiore di un ulteriore ristorante, riservato esclusivamente agli ospiti dell’hotel, e di un piccolo bistro, Gulasch & Champagne, con ingresso separato sulla Ringstrasse.

Il ristorante vegetariano di lusso Tian, insignito nel 2015 di una stella Michelin, ha inaugurato nell’autunno 2015 un nuovo locale nel settimo distretto. Il Tian Bistro am Spittelberg offre una cucina vegetariana semplice, dinamica e fresca. Sul menu si possono inoltre trovare fra l’altro originali variazioni per la colazione, il Flammkuchen, un impasto lievitato sottile ricoperto da panna, pancetta e cipolle, la tartara con funghi shiitake al posto del manzo e limonate fatte in casa. Anche l’offerta di pietanze del ristorante self-service yamm!, che aprirà una nuova sede presso il Praterstern nel secondo distretto nell’estate del 2016, è vegetariana o vegana. Pure qui, come nei due locali già esistenti, l’offerta comprende una grande isola buffet, un’area giochi per bambini e pietanze da asporto. Nel secondo distretto è situata anche la nuova panetteria e pasticceria vegana NomNom. Nella mini-pasticceria rosa si possono gustare cupcakes, cookies, macarons e torte, in gran parte con ingredienti biologici e preparati naturalmente senza uova, burro e latte.

Ulteriori deliziose e interessanti novità si possono inoltre trovare nei ristoranti asiatici di Vienna. Simon Xie Hong, che gestisce già tre ristoranti a Vienna, ha aperto il suo nuovo ChinaBar an der Wien. Il locale, situato lungo il mercato ortofrutticolo Naschmarkt, offre principalmente piccante cucina del Sichuan. La master-chef Sohyi Kim ha ora nuovamente un suo ristorante. Nel piccolo Kim nel nono distretto offre la sera in un ambiente esclusivo un menu di dieci portate.

Chioschi del mercato con prodotti regionali dalla verdura al pane, specialità esclusive da tutto il mondo e un ristorante con bar e un caffè: la Marktwirtschaft, un delizioso mercato coperto nella Siebensterngasse nel settimo distretto, aperto nel mese di novembre del 2015, è tutto dedicato ai buongustai. Al centro del distretto creativo di Vienna, questa variante culinaria di un concept store, allestita in sobrio stile loft, vuole diventare la nuova mecca per le buone forchette. Anche la Markterei vuole creare un’alternativa alla spesa al supermercato. Dal 27 novembre 2015 presenta ogni venerdì e sabato nella Alte Post nel primo distretto di Vienna in un grande capannone una selezione accurata di produttori austriaci di alimenti. L’offerta è incentrata sulla qualità, sul regionalismo e sulla sostenibilità. Lo spazio consente anche di mangiare e bere in tutta tranquillità. Un ulteriore punto di ritrovo per buongustai, il Lingenhel, apre nel mese di febbraio 2016 nel terzo distretto. L’esperto culinario Johannes Lingenhel ha convertito un complesso di edifici costruiti oltre due secoli fa sulla Landstrasser Hauptstrasse in uno shop per buongustai con un caseificio che trasforma latte di bufala e capra in camembert, brie, mozzarella & Co. Vengono inoltre venduti prodotti selezionati che vanno dal pane all’olio d’oliva. Nella primavera del 2016, l’offerta sarà integrata da un ristorante con giardino.

Relazioni Stampa Italia

Relazioni Stampa Svizzera

Ente per il Turismo di Vienna
Nikolaus Gräser
tel. (+ 43 1) 211 14-365

Rate this article
Feedback to the vienna.info editorial team

Please complete all the mandatory fields marked with *.

Title *
Title
Service links